QUALIFICAZIONE E INNOVAZIONE SISTEMA ASSOCIATIVO SPORTIVO, FINANZIAMENTO A GROTTAGLIE

Nelson Mandela scriveva “Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza, dove prima c’era solo disperazione. È più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione”. Ispirandosi a tali principi gli assessorati allo sport e alle politiche sociali di Grottaglie, in partnership con le associazioni Babele, Il Ghibli, ASD Scuola arti orientali, SSD Mediterranea Nuoto, Polisportiva Virtus Grottaglie, Atletica Grottaglie e Fukushi Ya Budo hanno presentato a dicembre 2017 il progetto “Sport per tutti: insieme per crescere”. Nel bollettino ufficiale regionale n.131, sono state rese pubbliche le graduatorie dei progetti ammessi a contributo e Grottaglie risulta essere, tra gli enti locali, l’unico comune vincitore per la provincia di Taranto con un finanziamento di 15.200 euro.
Il progetto sosterrà 90 ragazzi/e adolescenti e preadolescenti, italiani e stranieri, disabili e immigrati, in fascia di età 6-18 anni a rischio di devianza sociale e in contesti di particolare fragilità educativa mediante l’attività sportiva al fine di promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale, l’educazione allo sport, il benessere sociale e psicofisico dei minori coinvolti.
Grottaglie offre un ampio ventaglio di scelte di qualità in materia di sport attraverso l’operato delle numerose associazioni sportive presenti, già dimostratesi in passato particolarmente attive e attente nei confronti dei soggetti socialmente fragili per le quali l’attività sportiva diventa occasione di crescita e riscatto. In accordo con le finalità perseguite dalla Legge Regionale 33/2006, così come modificata dalla Legge 32/2012, il progetto intende garantire la promozione della pratica e della cultura sportiva, utilizzando la variegata offerta sportiva presente sul territorio comunale. Inoltre si svilupperanno le competenze emotive, intellettive, relazionali e sociali di ogni singolo partecipante grazie a programmi d’intervento personalizzati integrando gli aspetti corporei, affettivi e cognitivi per favorire la crescita di ogni individuo. Un progetto pensato per i bambini che favorisca tra l’altro percorsi d’integrazione e l’inclusione sociale. Ne danno notizia Marianna Annicchiarico – Assessore alle politiche sociali, e Vincenzo Quaranta – Assessore allo sport.
(foto di repertorio)

PIEMONTESE: AUMENTANO DOTAZIONI PER POLITICHE SPORTIVE PUGLIESI

Dai 2 milioni del 2016 ai 4 milioni del 2017 agli 8 milioni di quest’anno: le politiche sportive pugliesi fanno il salto triplo e raggiungono un livello di dotazione finanziaria senza precedenti. “La strategia del piano si fonda, anche per il 2018, sulla piena interconnessioni tra le politiche: di inclusione, di promozione territoriale e turismo, di promozione della salute e di sviluppo del territorio”, ha spiegato l’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese, illustrando ieri il Programma Operativo 2018 alle società sportive, associazioni, federazioni, enti di promozione sportiva e discipline sportive associate e agli enti locali. All’incontro erano presenti anche i presidenti di CONI Puglia, Angelo Giliberto, del Comitato Italiano Paralimpico, Guseppe Pinto, rappresentanti delle Università di Bari e di Foggia, il Centro di giustizia minorile. “Ora si apre una fase importante di consultazione e partecipazione in cui raccoglieremo indicazioni e suggerimenti per migliorare ulteriormente gli interventi proposti”, ha sottolineato l’assessore regionale, affiancato dalla dirigente della Sezione Promozione della salute e del benessere, Francesca Zampano. “Inoltre stiamo già lavorando sulla nuova programmazione strategica triennale 2019-2021 – ha aggiunto Piemontese – per impostare la quale resta fondamentale la collaborazione del partenariato istituzionale e di tutti gli attori del sistema sportivo regionale, che hanno accolto con la consueta passione e grande entusiasmo il nostro invito a riscrivere insieme le politiche sportive per i pugliesi”. Confermati gli avvisi pubblici rivolti a finanziare manifestazioni, progetti, l’acquisto di attrezzature sportive, le azioni di promozione della pratica sportiva attraverso le attività degli enti di promozione sportiva, delle discipline sportive associate e delle federazioni sportive. Rinnovati anche i contributi a sostegno delle eccellenze sportive pugliesi con una dotazione di 300 mila euro a cui si aggiungono 200 mila euro destinati alle eccellenze sportive “under 18”. Una novità attesa da tempo è la possibilità di finanziamento specifico per l’acquisto a uso personale di attrezzature sportive per gli atleti paralimpici. A questi interventi si aggiungono le risorse per la riqualificazione degli impianti sportivi e il collaudato finanziamento in conto interessi per i mutui concessi dal credito sportivo. Confermate le collaborazioni con il Centro di giustizia minorile e, da quest’anno, anche con l’area adulti dell’Ufficio esecuzione penale esterna.

SPORT IN CAMMINO, RICETTA VINCENTE PER QUASI 3000 PUGLIESI

La ricetta, è il caso di dire, è stata semplice. Medici dello sport a prescrivere l’attività motoria come un vero e proprio farmaco. Ed esperti Coni a somministrarla, attraverso gruppi di cammino, passeggiate veloci e palestre polivalenti, a pazienti affetti da varie patologie, soggetti a rischio o anche come semplice prevenzione. Il tutto gratuitamente. Una visione che è stata decisamente premiata dai numeri, quella che ha accomunato Coni Puglia e Regione, portando avanti per due anni in tutte le sei province pugliesi il progetto Sport in Cammino, in collaborazione con la Fmsi – Federazione Medico Sportiva Italiana. I dati, dunque: 3.835 richieste di partecipazione; 2.826 utenti partecipanti alle attività, di cui 1930 over 65; 7.000 ore di attività; 67 Comuni coinvolti; 74 Centri sportivi polivalenti utilizzati; oltre 3.000 visite mediche nelle diverse province; 37 Medici dello Sport coinvolti e 87 esperti del Coni (laureati in Scienze delle Attività Motorie e Sportive e diplomati Isef) formati ad hoc. “Attività motoria come leva per la prevenzione sanitaria: il principio cardine è stato questo. Un vero intervento innovativo – commenta l’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese – mirato al miglioramento dello stile di vita e del benessere della popolazione, per quest’ultima a costo zero. Del resto, la politica dell’ente regionale in questo campo è chiara: gli interventi che vedono lo sport e i corretti stili di vita come leve per la prevenzione, hanno ricadute proprio in termini di risparmio della spesa sanitaria, nel medio e lungo termine”. Sia durante sia a conclusione del progetto ogni partecipante ha compilato un questionario sull’autopercezione del miglioramento del benessere psico-fisico: “Analizzati, i questionari hanno testimoniato – spiega il presidente del Coni Puglia Angelo Giliberto – che Sport in Cammino è effettivamente servito per indurre i partecipanti a un significativo cambiamento verso una vita più attiva, anche in termini di nutrizione, e di socializzazione. In pratica il cento per cento delle autovalutazioni, in scala uno a dieci, rientravano fra l’otto e il dieci, con quest’ultimo votato da quattro partecipanti su cinque. Un ulteriore dato che ha sugellato il successo dell’intervento”. Suddivisi in gruppi da 20 per svolgere attività due volte a settimana, per un totale di 24 settimane, i principali destinatari del progetto sono stati: giovani over 18 anni con patologie croniche come diabete, ipertensione, malattie cardio-respiratorie e patologie croniche ad alta incidenza di disabilità e mortalità, nonché soggetti a rischio; adulti over 65 inattivi e sedentari, per i quali un’adeguata attività motoria costituisce un aiuto fisico, psicologico, di riabilitazione e socializzazione. Il Coni Puglia li ha reclutati grazie a una capillare attività di comunicazione che ha coinvolto le associazioni del territorio, l’Università della terza età, le circoscrizioni comunali e i centri religiosi, scuole e altri luoghi di aggregazione.

(foto dal web)

CONI TARANTO: SEMINARIO “LO SPORT NEI PROCESSI DI RIGENERAZIONE URBANA”

“Lo sport nei processi di rigenerazione urbana” è il tema dell’odierno seminario formativo gratuito, che si svolge nella Sala Conferenze dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto (Via Salinella, 9-11). L’iniziativa è stata organizzata dalla Scuola Regionale dello Sport CONI Puglia con la collaborazione dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto. Dopo i saluti da parte di Angelo Giliberto (Presidente CONI Puglia), Giovanni Patronelli (Presidente Ordine Ingegneri Provincia di Taranto) e Rinaldo Melucci (Sindaco di Taranto), si entrerà nel vivo dei lavori con gli interventi dei quattro relatori. L’evento darà diritto, per gli ingegneri iscritti all’Albo della provincia di Taranto, all’accreditamento di 4 CFP. Ricco il programma del seminario, aperto anche al mondo sportivo locale ed ai tecnici in seno ai comuni della provincia ionica. Nel dettaglio, l’ing. Elio Sannicandro (Agenzia regionale strategica per lo sviluppo ecosostenibile del territorio) parlerà di “Città attive: sport, salute ed ambiente integrati nei processi di pianificazione urbana”; il prof. Pasquale Stefanizzi (Università degli Studi di Bari) di “Percorsi ciclopedonali in città: un modello di verifica della pedonalità di un quartiere”; il giornalista Gaetano Campione (Gazzetta del Mezzogiorno) di “Playground e percorsi sportivi urbani, parchi e percorsi attrezzati lungo la costa”, mentre l’Arch. Marco Costanza (CONI Puglia) di “Impianti sportivi di base: centri CONI, polivalenza e multidisciplinarietà”. Il seminario termina alle ore 14.
(foto di repertorio)

SPORT, TARANTO: UN IMPIANTO POLIVALENTE COPERTO A TALSANO

L’Amministrazione Melucci punta ancora sugli impianti sportivi e lo fa approvando il progetto finanziato dal PON Sicurezza – obiettivo convergenza 2007/2013 IO GIOCO LEgALE per la realizzazione di un impianto polivalente coperto a Talsano, in via Mediterraneo, di proprietà comunale. Soddisfazione è stata espressa dall’Assessore ai Lavori Pubblci Aurelio Di Paola. La riqualificazione di spazi dove possano essere praticati ed ospitati eventi per lo sport, l’arte, la cultura è una precisa scelta che risponde alla strategia di questa amministrazione per un rilancio economico puntando sui settori della blue economy e un miglioramento della qualità della vita attraverso la riqualificazione delle periferie. Il nuovo impianto entra a far parte di un piano esteso di riqualificazione degli impianti sportivi di cui fa parte anche la riqualificazione del Campo Scuola alla Salinella e altri progetti che saranno presentati nei prossimi giorni alla stampa. L’intervento, per la cui realizzazione è previsto un investimento di seicentomila euro, prevede la realizzazione di una tensostruttura all’interno della quale sarà possibile praticare tennis, pallavolo, calcio a 5 e pallacanestro. All’esterno della struttura coperta sarà realizzato un fabbricato che ospiterà uffici e spogliatoi e bar che saranno affidati in gestione mediante apposita gara da esperire una volta ultimato l’intervento.

(foto di repertorio)

MAGNA GRECIA, IL COMUNE RITIRA GLI ATTI DELLA PROCEDURA ED È GIÀ AL LAVORO PER NUOVE IPOTESI

L’impianto sportivo polivalente Centro Sportivo Magna Grecia, nelle more della definizione del procedimento di affidamento della struttura medesima, è stato oggetto di azioni di vandalismo che ne hanno ulteriormente deteriorato lo stato di conservazione. Di tal che’, il valore degli interventi previsti dal Bando di gara, quantificati in euro 367.073,15 oltre Iva, a seguito dei predetti atti vandalici, ha subito un notevole aumento, arrivando alla data del febbraio 2017 ad un valore totale pari ad euro 1.172.316,8 a titolo di lavoro aggiuntivi. Tale valore ad oggi è ulteriormente aumentato, a causa di nuovi danneggiamenti e atti vandalici, così da rendere non realizzabile l’equilibrio economico-finanziario dell’investimento programmato.

L’Amministrazione, pertanto, nonostante lo sforzo reciproco delle parti di addivenire ad una soluzione, ritiene di dover ritirare tutti gli atti della procedura suddetta, fatti salvi gli eventuali indennizzi di legge in favore del legittimo aggiudicatario. Nondimeno, essendo volontà dell’Amministrazione dare finalmente soluzione all’annosa questione riguardante la situazione di degrado del Centro sportivo, la stessa sta già valutando ogni soluzione tesa a restituire, nel più breve tempo possibile, il Centro Magna Grecia al godimento dei cittadini.

U.I.S.P. ED E.N.D.O.S. PRESENTANO IL PROGETTO “DONNE: CORPO E BENESSERE IN PUGLIA”

Le donne e il tumore al seno. È il più frequente e colpisce il sesso femminile scaturendo drammatiche insicurezze che segnano intimamente la vita della paziente. Prevenzione e in particolare uno screening adeguato sono fondamentali per individuare il carcinoma in fase precoce e quindi assicurare maggiori chance di sopravvivenza. Fra le parole d’ordine contro il tumore al seno ce n’è una molto semplice: muoversi. Fare attività fisica con costanza riduce del 12% il rischio di ammalarsi per le donne di qualunque età e peso corporeo. “Donne: Corpo e Benessere in Puglia” è il progetto organizzato dal Comitato Regionale UISP e finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito della Azione 5 e dei contributi per progetti per la promozione delle attività fisico-motorie sportive. “L’iniziativa, della durata di 7 mesi, si avvale della preziosa collaborazione dell’ANDOS Puglia (Associazione Nazionale Donne operate al Seno) con le sedi di Foggia e di Taranto e delle associazioni sportive affiliate. Il progetto sperimenta come attraverso una adeguata attività fisica/motoria si possano ottenere benefici in termini capacità relazionali, di motivazione, di socializzazione, di rafforzamento della identità personale, oltre al miglioramento del proprio stile di vita”. L’attività motorio-sportiva, come strumento di integrazione sociale è un mezzo efficace per il mantenimento e recupero della salute fisica e psichica, con particolare attenzione a soggetti disabili. Presentazione il 6 dicembre al Palamazzola.

PIEMONTESE: “RADDOPPIATI INVESTIMENTI SULLO SPORT PUGLIESE”

La Puglia raddoppia gli investimenti per lo sport, passando a circa 5 milioni di euro. L’articolato Programma Operativo Sport 2017 è stato illustrato ieri dall’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese, insieme alla Dirigente del Servizio Sport per Tutti, Francesca Zampano, al presidente del Coni Puglia Angelo Giliberto e al consigliere nazionale del Coni Elio Sannicandro.

“Ringrazio – ha detto Piemontese in conferenza stampa – gli uffici che hanno permesso di arrivare a questi risultati la cui principale novità è proprio il raddoppio della dotazione finanziaria rispetto allo scorso anno”. Si tratta di 4,15 milioni di euro, a cui se ne aggiungono 100 mila euro, specificatamente destinati ai Grandi eventi sportivi, e circa 800 mila euro già allocati sull’avviso rivolto all’impiantistica sportiva. “Sport, salute e turismo qualificano in meglio il nostro territorio”, ha sintetizzato l’assessore Piemontese, sottolineando che “sono tre i settori principali di intervento: quello della promozione dello sport per corretti stili di vita, con un investimento per risparmiare nel medio e lungo termine sulla sanità; l’incentivo indirizzato a tutte le fasce di popolazione perché fare sport significa avere una migliore qualità della vita, con 2 milioni di euro per l’impiantistica sportiva; infine investiamo sul settore del turismo sportivo, perché in Puglia possano venire donne e uomini da tutta Europa e dal Mondo per manifestazioni sportive con finalità di marketing territoriale”.

Gli obiettivi specifici del Piano sono l’incentivazione dell’associazionismo sportivo, il potenziamento della pratica sportiva come strumento di promozione della salute e di contrasto delle condizioni di disagio e la valorizzazione della funzione educativa, con riguardo alle fasce più deboli e fragili della popolazione. Gli avvisi pubblici per l’erogazione dei contributi scadono il prossimo 21 dicembre, sono 6 e sono pubblicati da stamattina sul portale pugliasportiva.it e messi in evidenza nel portale regione.puglia.it.

Il nuovo avviso per la realizzazione di iniziative progettuali strategiche sulle politiche regionali, diretto a comitati, delegazioni regionali e provinciali delle federazioni sportive riconosciute dal Coni o dal CIP, ha una dotazione di 200mila euro. Gli avvisi sono stati pubblicati dopo un’indagine condotta sui principali soggetti (hanno partecipato in 1.003) del sistema sportivo che ha rilevato i fabbisogni. “Siamo soddisfatti – ha detto il presidente Coni Puglia, Giliberto – da questo lavoro di squadra e vorremmo che alcuni dei nostri progetti regionali siano portati all’attenzione nazionale soprattutto per i potenziali risparmi per la sanità pubblica. Ora la Puglia non è più fanalino di coda per i finanziamenti regionali allo sport per tutti. E possiamo annunciare che anche grazie all’impegno della Regione avremo grandi eventi come una partita Italia-Scozia del Sei Nazioni di Rugby under 20 a Bari, al ‘Della Vittoria’ nella prossima primavera”. “Sarà molto importante – ha aggiunto il consigliere nazionale Coni, Sannicandro – il censimento dei circa 1.200 impianti sportivi e con le risorse aggiuntive la Puglia sportiva saprà distinguersi nella promozione della pratica sportiva”.

U.I.S.P. ED ENDAS RIAPRONO IL “PALAMAZZOLA”

Il Comitato Provinciale U.I.S.P. di Taranto ed il Comitato Territoriale Endas di Taranto hanno ottenuto l’affidamento del Palamazzola in seguito all’aggiudicazione del bando di evidenza pubblica emesso dal Comune di Taranto e con grande spirito sportivo e senso civico nonostante le oggettive difficoltà, riaprono le porte del glorioso palazzetto a tutti gli sportivi tarantini e all’intera cittadinanza. Il Palamazzola sarà infatti la location ideale per poter ospitare al proprio interno la grande mole di attività sociali a carattere sportivo che i due Enti intendono mettere in atto e che abbracceranno le fasce più deboli della nostra città quali quelle dei disabili, degli immigrati richiedenti asilo, degli anziani e dei minori in affido non tralasciando la collaborazione con l’associazione nazionale Donne operate al seno e con chiunque ne condividerà o ne vorrà condividere la Mission. L’intera struttura sarà inoltre concessa a titolo totalmente gratuito al liceo “Galileo Ferraris” del plesso di via Mascherpa, per garantire ai ragazzi di uno dei Licei tarantini più storici il diritto allo svolgimento della pratica sportiva negatogli negli ultimi anni per l’assenza di una palestra all’interno della struttura che gli ospita. Tutte queste attività saranno inoltre integrate con le consuete attività sportive di natura amatoriale ed agonistica che da sempre trovano la propria Casa ideale nel prestigioso Palamazzola, che per tanti anni è stato il palcoscenico del volley e del basket di massima serie.

SAMS UNIBA, 40 POSTI PER ATLETI DI ELEVATO LIVELLO E TECNICI CONI

L’Università degli Studi di Bari dedica sempre più attenzione e investimenti alla promozione dello sport, in collaborazione col Coni Puglia.

Ultimo tassello, dopo le agevolazioni di vario tipo previste dal Regolamento Studenti Atleti varato lo scorso anno, per il prossimo anno accademico 2017-18 l’Ateneo barese ha ampliato il numero di studenti immatricolabili al corso di Scienze delle Attività Motorie e Sportive (Sams), portato a 230 posti, con abolizione dell’obbligo di frequenza per le lezioni teoriche e agevolazioni per la frequenza in quelle pratiche. Di questi, 20 sono stati riservati – senza limiti di età – ad atleti agonisti di elevato livello in discipline olimpiche (dunque con certificazione federale di partecipazione nell’ultimo quadriennio a campionati europei o mondiali, o che abbiano vestito la maglia azzurra) o ad atleti di “interesse nazionale”; altri 20 posti per tecnici Coni di quarto livello europeo. Per entrambe le categorie i candidati saranno ammessi in ordine di presentazione delle domande.

Il bando per l’ammissione al corso di studio sarà su http://www.uniba.it/didattica nella prima decade di luglio e la domanda sarà formulabile entro un mese dalla pubblicazione.