TARGA QUALITÀ DELLA VITA A GRETA THUNBERG

Il comitato Qualità della vita di Taranto scrive: “Nel giorno dedicato al Clima, il CQV ha deciso non solo di aderire alla manifestazione in difesa del clima e a Taranto dell’ambiente e della salute, ma anche di assegnare la TARGA QUALITA’ DELLA VITA 2019 a GRETA THUNBERG, 16enne attivista svedese che lo scorso 20 agosto, in un giorno di scuola, si è seduta sulle scale del Parlamento  con in mano un cartello, scritto a mano, e alcuni volantini preparati a casa, realizzando così il primo vero sciopero per il clima al mondo.

Con il coinvolgimento di un gruppo di giovani rappresentanti  delle scuole joniche sarà “tracciato un percorso di riflessione ma anche di incontro con altri giovani impegnati per la difesa del CLIMA , un percorso che si concluderà il 14 febbraio 2020 data della consegna della Targa, contestualmente ala Premio qualità della vita ai Vigili del Fuoco, Moro e l’Unità d’Italia.

Una riflessione storica e una visita guidata dai luoghi tarantini di Moro all’ipogeo dei padri Gesuiti- domenica 17 ore 10 dalle colonne doriche – alla Santa Messa alla Madonna della Salute per quanti si sono battuti per l’Unità del nostro Paese: gli eroi del Risorgimento e i padri della Costituzione  tra i quali Aldo Moro.

 

(foto da www.newyorker.com)

16 MARZO, RAPIMENTO DI ALDO MORO: IL RICORDO IN UNA TARGA

Carmine Carlucci, Presidente del Comitato Qualità della Vita di Taranto, scrive: “E’ in me vivo il ricordo di quella mattina. Ero in visita alla Scuola media M. Pia e giunse la notizia del rapimento lasciando attoniti me e il preside Aldo Mignolo. Una dolorosa pagina di storia che durante i 55 giorni a Roma andando in macchina al Sindacato più volte venimmo fermati dalla Polizia con i mitra spianati per i consueti controlli. Una vicenda triste, una pagina della nostra storia oscura. Oggi alle 17 renderemo un piccolo omaggio a moro davanti alla casa dove da giovane – via Di Palma 129 – abitò”.

TARANTO: VISITA DI STUDIO CON IL COMITATO QUALITÀ DELLA VITA

Presentata sabato mattina nell’istituendo Giardino deigiusti, alla Discesa Vasto, da Anna Maria La Neve, l’iniziativa di questa mattina che vede “protagonisti” i bambini delle terze classi dell’IC San Giovanni Bosco, in visita di studio dalla Casa di San Egidio alla Casa di Tommaso Niccolò D’Aquino e quindi alla sua tomba in Sant’Agostino, al Convento di San Michele, sede delll’Ist. Paisiello, a San Michele e al Convento San Francesco, sede universitari e infine al Castello Aragonese. La visita di studio rientra nel progetto Passeggiando con Erodoto per le vie della città che l’IC San Giovanni Bosco con il coordinamento di Anna Maria La neve sta realizzando da tre anni e che prevede tra l’altro il recupero dei bassorilievi di Sant’Irene e dell’Arcangelo Michele.

Intanto, il CQV, attraverso una lettera aperta, invierà domani al Presidente della Repubblica Mattarella il documento programmatico sulla Filiera dei Saperi.