LADRI IN AZIONE IN UNA CASA COLONICA, PRESI DAI CARABINIERI

RECUPERATA E RESTITUITA LA REFURTIVA

I carabinieri della Stazione di Palagianello (Ta), collaborati nella fase esecutiva dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castellaneta (Ta) e della Compagnia di Massafra (Ta) hanno arrestato, per furto aggravato in concorso, un 37enne, un 34enne ed un 20enne, tutti di Palagiano (Ta), con precedenti di polizia.

I militari, nell’ambito di un predisposto servizio finalizzato alla prevenzione e repressione delle attività criminose nel mondo rurale, hanno individuato, in contrada Conca d’Oro, agro del comune di Palagiano, un’autovettura nascosta all’interno di un agrumeto adiacente ad una casa colonica.

Insospettiti, i carabinieri hanno deciso di effettuare un’ispezione al casolare, accertando che il magazzino presentava la porta di ingresso forzata; entrati all’interno, hanno notato l’immobile a soqquadro, sorprendendo i tre ladri intenti ad asportare attrezzi agricoli quali motoseghe, trapani e cavi in rame.  I malfattori, alla vista dei militari, hanno tentato di fuggire per i campi circostanti ma sono stati bloccati e tratti in arresto.

Tutta la refurtiva recuperata, pronta per essere caricata sull’autovettura utilizzata dai malfattori, sequestrata, è stata subito restituita al legittimo proprietario, ignaro dell’accaduto.

Nel corso delle successive perquisizioni domiciliari, presso le abitazioni degli arrestati, i carabinieri hanno rinvenuto a casa del 34enne diversa attrezzatura agricola tra cui decespugliatori, compressori, motoseghe, attrezzi vari sui quali sono stati avviati accertamenti finalizzati ad accertarne la provenienza.

I tre ladri, espletate le formalità di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Taranto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria tarantina.

CONTROLLI DEL TERRITORIO, DUE ARRESTI DEI CARABINIERI

ARRESTI A LATERZA E MARINA DI GINOSA

Nell’ambito dei consueti controlli del territorio, i carabinieri della Stazione di Laterza (Ta), in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, hanno arrestato un 40enne del posto, condannato a scontare la pena definitiva di 6 anni e 2 mesi di reclusione, oltre alla pena pecuniaria di 26.500 €, per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, in concorso, continuato. L’uomo, all’esito delle formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale del capoluogo jonico a disposizione dell’Autorità Giudiziaria tarantina. 

Nel medesimo contesto operativo, i militari della Stazione di Marina di Ginosa (Ta), in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della detenzione domiciliare, hanno arrestato un 45enne del posto per aver violato le prescrizioni imposte dalla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. alla quale era sottoposto.

L’uomo infatti è stato sorpreso dai carabinieri alla guida di un’autovettura nonostante avesse la patente di guida ritirata a seguito della misura di prevenzione personale alla quale era sottoposto. Il Magistrato, letta l’informativa dei carabinieri, ha emesso l’ordinanza, subito notificata al 45enne, con la quale dispone la detenzione domiciliare dell’uomo.