CONFERENZA AL MUSEO MArTa “ASTRAGALI IN TOMBA TRA GIOCO E RITO” IL 21 MARZO

I MERCOLEDÌ DEL MArTA

Nell’ambito dei “Mercoledì del MArTA”, il 21 marzo alle h. 18:00, presso la Sala Incontri del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si terrà la conferenza dal titolo “Astragali in tomba tra gioco e rito: riflessioni su un costume funerario alla luce di un inedito contesto tarantino”, a cura della dott.ssa Barbara Carè (Scuola Archeologica Italiana di Atene).

La conferenza, inizialmente programmata per il 20 Marzo, è stata rinviata al 21.

L’uso degli astragali come offerta funeraria nel mondo greco ha rappresentato un tema a lungo negletto nella tradizione degli studi. Mentre l’impiego delle piccole ossa in antiche pratiche di gioco è da tempo al centro di un vivace dibattito – recentemente alimentato dal rinnovato interesse verso la cultura ludica – il fenomeno della presenza di tali oggetti nei contesti funerari, di contro, non può ritenersi ancora del tutto esplorato o affrontato con un approccio sufficientemente critico.

La marcata caratterizzazione ludica ed infantile dell’osso, dedotta dalla testimonianza offerta dalle fonti tradizionali, si è tenacemente radicata in letteratura e ha guidato l’interpretazione dell’evidenza archeologica, a prescindere dalla necessaria analisi contestuale.

Il progredire della ricerca, tuttavia, ha gradualmente rivelato l’infondatezza di tale assunto interpretativo ed evidenziato l’accentuata variabilità che connota questo peculiare costume rituale nel mondo greco, da cui deriva la necessità di ricercare chiavi di lettura differenziate.

Nel corso della conferenza verranno presentati alcuni casi di studio, con particolare riferimento alla realtà funeraria di Taranto; si discuteranno, inoltre, i risultati emersi dal recente riesame di un corredo pressoché inedito contenente l’unica attestazione attualmente nota di mastix astragalotē che le fonti ricordano come strumento di flagellazione rituale.
L’ingresso alla conferenza sarà gratuito.

PER INFO E PRENOTAZIONI tel. 099-4538639 o mail: prenotazioni@novaapulia.it

Commenta l'articolo:

Commenti chiusi