RETAKE TARANTO: RICOSTRUIAMO IL SENSO CIVICO

Il gruppo civico che ha effettuato l’Operazione Taranto da Pulire si è affiliato al gruppo Retake, grazie all’art. 118 della Costituzione. Obiettivo dei componenti del gruppo è quello di ripristinare, in collaborazione con le amministrazioni, il senso civico e il decoro cittadino. Taranto è la 30^ città affiliata al Gruppo Retake.

“In 2 mesi di attività e in 2 giornate – si legge nel comunicato – abbiamo raccolto circa 2500 membri nel nostro gruppo Facebook a testimoniare, qualora ce ne fosse stato bisogno, la presenza di una parte della cittadinanza tarantina esasperata, stanca del degrado dell’incuria e dell’inciviltà di numerosi concittadini, e l’impegno fattivo di un centinaio di persone nella pulizia simbolica dei quartieri che abbiamo effettuato. Essendoci interfacciati direttamente con la nuova amministrazione comunale, abbiamo riscontrato un notevole impegno nell’ascoltarci e nel supportarci da parte dell’assessore all’ambiente nonchè vicesindaco Rocco De Franchi, del direttore tecnico Mimmo Natuzzi e del precedente delegato alla polizia municipale Massimiliano Stellato. In realtà, però, la collaborazione effettiva con la polizia municipale non c’è mai stata. Abbiamo visto solo l’intervento diretto di Stellato come cittadino che ci ha accompagnato nella pulizia effettuata nelle giornate di sensibilizzazione. Non abbiamo riscontrato alcun supporto dal comandante dei Vigili Urbani Matichecchia, in quanto sappiamo che attualmente le unità disponibili sul nostro vasto territorio sono 23 ma non vediamo la presenza simbolica di vigili e l’azione fattiva di queste unità da nessuna parte in città. Pensiamo che ricostruire il senso civico in una città che sia degna di questo nome debba comportare un’azione sinergica tra istituzioni cittadini e volontariato.”

“Riceviamo migliaia di segnalazioni in merito a discariche a cielo aperto, comportamenti scorretti di padroni di cani che sporcano indisturbati e cittadini che buttano per terra di tutto di più. Sappiamo che la nostra amministrazione è reduce da un dissesto ma è necessario cambiare l’andamento delle cose. Ci devono essere al più presto telecamere e vigili urbani o unità simili per multare e stanare gli incivili. Auspichiamo un intervento in prima linea del Sindaco per arginare gli incivili seguendo l’esempio di Bari, dove i risultati raggiunti sono brillanti, grazie all’intervento diretto del primo cittadino Di Canio. Ma soprattutto auspichiamo una migliore organizzazione di telecamere, i cui filmati vengano visionati prontamente per multare gli incivili. Auspichiamo altresì il ritorno alla sanzione notturna e al trasporto coatto delle auto in sosta nelle zone della pulizia mensile. Ci offriamo come volontari per queste attività, a supporto di pochissime unità delegate alle multe e alle sanzioni amministrative. Dove loro non riescono ad arrivare ci proponiamo noi cittadini. Lo scempio, la sporcizia in città sono sotto gli occhi di tutti. Non ne possiamo più. Sappiamo che il nostro primo cittadino è impegnato nobilmente nella causa Ilva, ma gli chiediamo un po’ del suo tempo per valutare una migliore organizzazione delle risorse della Polizia Municipale per disciplinare una volta per tutte i tarantini incivili. Vogliamo essere pronti per la stagione imminente e mostrarci come una città pulita e accogliente per i sempre più numerosi turisti che fortunatamente stanno scoprendo le nostre bellezze che abbiamo il dovere di custodire e valorizzare.”

Commenta l'articolo:

Commenti chiusi