BONUS IRICO PER LE FAMIGLIE MENO ABBIENTI: 6 MILIONI DI EURO DISPONIBILI FINO AL 2018

L’accesso al servizio idrico dei cittadini a basso reddito è il tema del seminario organizzato da Utilitalia in collaborazione con APE – Aqua Publica Europea – nell’ambito del Festival dell’Acqua in corso all’Università di Bari. Un tema centrale che trae spunto, tra l’altro, dalla risoluzione dell’ONU del 2010, che sottolinea il diritto all’acqua e all’erogazione, almeno per una quota essenziale, a fasce di popolazione disagiate. Sul tema del diritto all’acqua e all’erogazione a favore delle fasce meno abbienti della popolazione, l’Autorità Idrica Pugliese insieme al governo regionale e l’AQP, già da tempo hanno focalizzato la propria attenzione, come testimonia il “bonus idrico” – per il quale sono disponibili 6 milioni di euro nel triennio 2015/2017 – destinato ai cittadini pugliesi in disagio economico e/o fisico e consistente in un rimborso dei consumi precedenti. Della misura potranno beneficiare anche quest’anno i residenti nella Regione Puglia e utenti intestatari di una fornitura idrica individuale o condominiale, presentando apposita domanda sino al 27 dicembre, relativa ai consumi del 2016. “Il bonus idrico si rivolge alle fasce deboli della popolazione che necessitano di maggiori tutele economiche. Uno strumento di protezione sociale -commenta il presidente dell’Autorità Idrica Pugliese, Nicola Giorgino- frutto dell’impegno congiunto messo in campo da Aip, Anci, Regione Puglia e Aqp, volto a conseguire risultati incisivi in favore delle utenze più bisognose”. “Acqua e servizi sanitari fanno parte dei diritti primari fondamentali che vanno garantiti in un paese civile. Gli enti locali -prosegue il presidente Anci Puglia, Domenico Vitto- devono avere attenzione particolare verso le fasce più svantaggiate delle proprie comunità”. “La scritta “acqua bene comune” nel logo AQP -ha detto Nicola De Sanctis, presidente di Acquedotto Pugliese- trova una sua concreta attuazione nel bonus idrico a favore delle fasce meno abbienti. Il rimborso dei consumi a beneficio dei cittadini in condizioni di disagio conferma la sensibilità nei confronti di tutta la popolazione servita”. Le domande per il bonus idrico possono essere inoltrate via internet, dal sito http://www.bonusidrico.puglia.it/application/, o via telefono fisso al numero verde automatico 800.660.860. Possono presentare istanza tutti i cittadini residenti in Puglia che hanno usufruito di un bonus elettrico per una fornitura localizzata nella Regione Puglia nel 2016.

Per poter usufruire dell’agevolazione non devono sussistere situazioni di morosità nel pagamento delle fatture.

Per presentare la domanda di bonus idrico occorre avere a disposizione il codice POD della fornitura elettrica, per la quale è stata ottenuta un’agevolazione di tariffa elettrica nel 2016; la data di nascita dell’intestatario della fornitura elettrica o, in alternativa, il codice fiscale; il codice cliente ed il numero contratto dell’attuale fornitura idrica AQP.

Le modalità di accesso al bonus per l’annualità 2017 sui consumi 2016 coinvolgono le categorie di cittadini con ISEE uguale o inferiore a 7.500 euro, con ISEE uguale o inferiore a 20.000 euro per famiglie con più di 4 figli a carico e/o con disagio fisico. I soggetti beneficiari del bonus idrico riceveranno, tramite missiva, l’informazione circa l’avvenuta attribuzione del bonus ed il relativo ammontare che verrà accreditato direttamente in fattura.

Sul portale del “Bonus Idrico Puglia” i cittadini potranno consultare lo stato della domanda inoltrata per verificarne l’evoluzione. Non saranno accolte modalità differenti di presentazione delle domande. Il servizio è sempre disponibile 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. Anche Acqua Pubblica Europea è impegnata su questo tema di grande rilevanza sociale, come dimostra una recente indagine che mette a confronto i meccanismi sviluppati in diversi contesti europei, al fine di riconciliare il principio del diritto all’acqua con l’esigenza del recupero completo dei costi del servizio.

Ad aprire il seminario all’ateneo barese, il vicepresidente di Ape, Alessandro Russo, che ha introdotto le varie esperienze in ambito europeo, testimoniate da Jon Rathjen, responsabile dell’industria idrica scozzese, Gerry Galvin, direttore di Irish Water, Frederik Looten, referente di De Watergroep. È seguita, coordinata dal presidente di Acquedotto Pugliese, Nicola De Sanctis, una serie di interessanti relazioni sugli aspetti più salienti dell’argomento in discussione. Sulle norme di “welfare idrico” varate in Italia è intervenuta Marina Colaizzi del ministero dell’Ambiente, mentre di servizio idrico fra solidarietà e contrasto alla morosità ha parlato Alessandro Ramazzotti, coordinatore della commissione in House Utilitalia. Paola Briani di Acque Veronesi, Paolo Romano di Smat, Benjamin Gestin di Eau de Paris e Gabor Till di Budapest Water si sono soffermati, invece, su “coniugare solidarietà con sostenibilità del servizio”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi