NASCE A MARUGGIO IL CENTRO DEL RIUSO, SERVIZIO GRATUITO PER I CITTADINI

“Non buttare via niente. Riusa!”, è questo lo slogan per lanciare il nuovo servizio gratuito per i cittadini denominato Centro del Riuso ideato in collaborazione con la ditta TeknoService e il circolo locale di Legambiente. L’Amministrazione Comunale guidata dal primo cittadino Alfredo Longo vuole contrastare e superare la cultura dell’usa e getta, sostenere la diffusione di una cultura del riuso dei beni e promuovere il reimpiego e il riutilizzo di beni usati, prolungandone il ciclo di vita, oltre le necessità del primo utilizzatore. Il tutto per due scopi ben precisi, il primo è quello di ridurre la quantità di rifiuti da avviare a trattamento e o smaltimento, il secondo quello di realizzare una struttura di sostengo a fasce deboli della popolazione, consentendo una possibile acquisizione, a titolo gratuito, di beni di consumo usati ma funzionanti.
Ad esprimere soddisfazione per l’iniziativa è l’assessore con delega all’ambiente e ecologia Giovanni Maiorano: “Con il Centro del Riuso centriamo un importante obiettivo, ossia quello della riduzione dei rifiuti. Oggetti non più utili ad alcuno non si trasformano in rifiuto ma tornano ad essere utili ad altre persone. Questo nuovo servizio ha l’intento di sensibilizzare ulteriormente tutti i nostri cittadini ad una gestione sempre più virtuosa e al tempo stesso integrata dei rifiuti. Bene fare la differenziata ma è altrettanto importante selezionare e quindi raccogliere tutti quegli oggetti che essendo in buono stato possono essere adoperati da qualcun altro e che quindi possono essere riutilizzati senza problema. Ovviamente il tutto a costo zero per gli utenti, sia per chi conferisce che per chi decide di prelevare e riutilizzare un oggetto usato ma ancora un buono stato. Un vero e proprio esempio concreto – conclude Maiorano – di quella che oggi viene definita economia circolare”.
Il Centro del Riuso è situato all’interno della bottega ecologica in via G. D’Annunzio ed è strutturato prevedendo una zona di ricevimento e di prima valutazione dei beni, e una zona di immagazzinamento ed esposizione. All’interno della struttura sono accettati i beni di consumo ancora in buono stato e funzionanti che possono essere efficacemente utilizzati per gli usi, gli scopi e le finalità originarie. Ad esempio si potranno portare piatti, posate e suppellettili, oggettistica, giocattoli, libri, mobili, divani, lampadari, reti, biciclette, passeggini e carrozzine, culle e box, elettrodomestici come ferri da stiro, forni a microonde, apparecchi per cuocere, ventilatori, apparecchi elettrici di riscaldamento, aspirapolvere, tostapane, macchine per cucire, frullatori, macinacaffè, friggitrici, apparecchi radio, video registratori, apparecchi televisivi, telefoni, fax, cellulari, personal computer, stampanti ed altre periferiche, piccole apparecchiature informatiche, ecc. Inoltre si potranno lasciare anche articoli sportivi come sci e scarponi, racchette da tennis, borse, ma anche valigie, utensili elettrici, libri e volumi di ogni genere, film in vhs, cd o dvd, musicassette, dischi in vinile.
Il bene, in buono stato e funzionante, senza parti danneggiate o pericolose, una volta preso in carico sarà catalogato e successivamente messo in mostra per essere poi consegnato ad un nuovo utilizzatore.

Commenta l'articolo: