FONDI UE, D’AMATO (M5S): RITARDI IN PUGLIA E NEL SUD POTEVANO ESSERE EVITATI

“Avevo denunciato da tempo i ritardi della Puglia e delle altre regioni del Sud a mettersi al passo con le nuove norme sui fondi Ue. Ma sia il governo Renzi-Gentiloni, sia i presidenti delle regioni del Mezzogiorno (tutti in quota Pd), hanno fatto orecchie da mercante. Con il risultato che a tre anni dall’avvio della nuova programmazione, la spesa è pari a 0 in Puglia e quasi nulla nel resto del Sud. Una dimostrazione di incapacità politica e amministrativa. Ma soprattutto uno schiaffo in faccia ai cittadini alle prese con la crescente povertà del Paese”. Lo dice la capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo, Rosa D’Amato, che aggiunge: “Adeguarsi alle nuove norme non era poi cosi’ complicato, visto che altre regioni europee lo hanno fatto tranquillamente. Bastava nominare le nuove autorità di gestione”.
“Detto questo – prosegue – l’Italia deve fare i conti con un’altra grave emergenza sui fondi Ue. Al 31 marzo 2017, infatti, tra fondi FESR e FSE, la Commissione europea non ha ancora rimborsato 2 miliardi e 265 milioni della vecchia programmazione 2007-2013. Come mai? Di sicuro, pesano i ritardi con cui l’Italia, soprattutto le regioni del Sud, hanno utilizzato queste risorse. Per evitare il rischio di perderle, si è fatto ricorso massiccio ai cosiddetti ‘progetti sponda’ o coerenti, un trucchetto per spendere i soldi europei subito, ma in maniera inappropriata. Questa operazione cerca di ‘salvare il salvabile’ ma è la conseguenza di una programmazione fatta male e porta quasi sempre solo opere che non servono al territorio. E’ spreco di denaro pubblico”.
D’Amato conclude: “Sorveglieremo lo stato dei pagamenti, in particolare sul FSE Calabria 2007-13 (per adesso, la percentuale dei pagamenti è ferma al 67,05%) e per il PON Ricerca e Competitività (74% dei pagamenti, con ben 801 milioni totali ancora da liquidare). I cittadini non possono pagare per l’incapacità e la cattiva amministrazione della solita politica arraffona e clientelare”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi