SOTTOSEGRETARIO D’ONGHIA SU SCIOPERO CONTRO LA LEGGE 107 “BUONA SCUOLA”

“Non dobbiamo fare della scuola un terreno di scontro, piuttosto è utile confrontarci e dibattere pur tra posizioni distanti. L’obiettivo è quello di trovare soluzioni condivise”. Così la sottosegretaria al MIUR, senatrice Angela D’Onghia, sullo sciopero generale della scuola contro la legge 107 e gli otto decreti attuativi che si terrà domani, in tutta Italia, compresa Bari. Lo sciopero è indetto da Cobas e Unicobas insieme a Anief, Usb, FederAta e Orsa.
“Le Commissioni parlamentari hanno presentato pareri ed osservazioni dopo un grande ed ampio lavoro di ascolto delle parti”, afferma la sottosegretaria D’Onghia. “Continueremo a prestare attenzione ai soggetti coinvolti per evitare di replicare gli errori del passato, considerando che, il mondo della formazione non deve creare incertezze e deve sempre tener conto della centralità degli studenti. Abbiamo ancora molto da fare per fornire una formazione e un’istruzione qualificata sempre più vicine a standard ed obiettivi internazionali, valorizzando in primis la crescita umana della persona.
Solo così i nostri giovani diventeranno comunità colta e consapevole per la crescita e la competitività del nostro Paese. Il lavoro in questa direzione ci consentirà di avere una scuola eccellente nella formazione e quel giusto slancio per entrare nel mondo del lavoro”.

“I margini di miglioramento della riforma della Buona Scuola esistono”, conclude la senatrice D’Onghia, “e saranno oggetto della massima condivisione possibile”.

(foto di repertorio)

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi