IN CONTEMPORANEA CON IL “SAFER INTERNET DAY 2017” IL #MABASTACHALLENGE, ELOGIO DELLA GENTILEZZA

Oggi, 7 febbraio 2017, è la “Prima Giornata Nazionale contro il Bullismo nella scuola”, promossa dal Ministero dell’Istruzione (MIUR), in contemporanea con il Safer Internet Day, la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa dalla Commissione Europea. La Giornata è contraddistinta dalla campagna “Un nodo blu contro il bullismo”.
image004

I ragazzi del movimento anti bullismo “Mabasta”, insieme alla loro scuola, l’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce, parteciperanno alla Giornata con una miriade di iniziative, alcune locali, altre nazionali.

Lanceranno la campagna denominata #MabastaChallenge, che consiste nella realizzazione e pubblicazione sui social di mini video e foto in cui ragazzi, giovani e meno giovani urlano semplicemente “MABASTA!”, magari con modalità curiose e stravaganti. La campagna #mabastachallenge è in partnership con “Trentino Vivo”.

La seconda iniziativa scaturisce da un’idea originale della dirigente della scuola, la prof. Addolorata Mazzotta, e consiste nell’elogiare ed incoraggiare quella che definisce la “Gentilezza ai tempi di Internet”, una sorta di adozione da parte dei giovani (e non solo) di un nuovo e speciale galateo nel mondo virtuale. Si sta pensando anche all’organizzazione di un evento specifico legato al tema.

Stamattina, in tutte le classi della scuola leccese, verrà proiettato un film a scelta degli studenti in tema di bullismo e cyberbullismo, come ad esempio “Un Bacio” di Ivan Cotroneo, “Cyberbully” di Charles Binamè e “Elephant” di Gus Van Sant.

Infine, due colpi grossi (solo uno viene svelato al momento) i ragazzi di Mabasta, contraddistinti dalla loro felpa rossa ufficiale, sono stati invitati a Roma dal Ministero dell’Istruzione a presenziare all’evento clou della Giornata di oggi, collegato al #SID2017, che si terrà presso gli spazi espositivi dell’ex Caserma Guido Reni, dove sarà allestita una vera e propria cittadella a disposizione dei ragazzi per dialogare con istituzioni ed esperti.

Commenta l'articolo:

Commenti chiusi